10.6.06

REFERENDUM, ECCO PERCHE’ VOTARE SI

Da che parte vogliamo cominciare? Dal fatto che finalmente e chiaramente si sa cosa le Regioni possono fare e cosa no? Dal fatto che si tagliano 175 parlamentari? Dalla norma antiribaltone? O dalla fine del bicameralismo perfetto, cioè la fine di due Camere fotocopia? Oppure ancora dal Senato federale che, nonostante abbia bisogno di una migliore messa a fuoco, comunque segna l’inizio di una nuova stagione?

Cominciamo da dove vogliamo, ma cominciamo. Spogliandoci dei panni di Sisifo che nella mitologia antica era costretto a fare una fatica boia per l’eternità senza mai arrivare a compiere la sua missione. È una lezione che chi si dice politico deve tenere a mente.

Negli ultimi miei scritti ho già detto che non possiamo farci prendere dalla tentazione di lasciare la corsa all’ultima curva: una sciagurata vittoria dei No frenerebbe quel cambiamento atteso da quindici anni e che lentamente ha comunque cominciato a dare frutti. Di federalismo non s’era mai parlato fino all’arrivo di Umberto Bossi. Le Regioni erano delle riserve politiche: oggi invece sono laboratorio e, soprattutto, sono il vivaio di uomini e donne sempre più apprezzati dai cittadini perché capaci di amministrare. Lo stesso vale per i Comuni e le Province. Da Formigoni alla Bresso, da Galan a Bassolino o a Bersani, da Albertini a Chiamparino, Cacciari o Illy ma anche gli stessi Rutelli e Veltroni sono figli di una cultura politica nuova e cioè del federalismo, dell’esaltazione dei territori e delle loro identità.

Volutamente ho elencato nomi appartenenti allo schieramento avversario, proprio per dimostrare che grazie al vento leghista tutti i partiti hanno dovuto fare i conti con il sentimento identitario del popolo.

Certo, poi ognuno interpreta la politica secondo le proprie idee e le proprie ideologie, ma intanto una nuova classe politica è cresciuta privilegiando le istanze del campanile.

Tutto questo però non basta. Occorre ora che le Regioni contino di più. Che chi governa negli enti locali abbia una funzione specifica. Che abbiano un potere normativo e poi fiscale esclusivo seppur nell’interesse generale. La riforma del Titolo V fu un passo avanti, timido ma concreto. Non fu una distrazione o una leggerezza di cui pentirsi, il fatto che in occasione del referendum confermativo di quella modifica costituzionale, il centrodestra - allora al governo - non fece campagna elettorale per il no. O che Bossi, allora ministro delle Riforme, lasciò la Lega fuori dalla campagna referendaria. Accadde che il sì passò e che la Costituzione fu modificata ma la cosa non ostacolò la maggioranza nel mettere a punto la “propria” riforma costituzionale (la quale ricordo fu presentata nel programma elettorale del 2001).

Lo stesso ragionamento sarebbe stato auspicabile anche questa volta se non fosse che ormai i soldati sono già passati in armeria. Non si sa perché ma se il cambiamento arriva da destra, la sinistra insorge per partito preso. Ieri in una intervista al Corriere della Sera, Giulio Tremonti ha ricordato alcuni passaggi del testo di Giuliano Amato dove si parlava di un rafforzamento dei poteri del premier: siamo così lontani da quanto è scritto nella riforma costituzionale varata dalla Cdl? No, commenta Tremonti.

Ieri l’altro, Umberto Bossi in una intervista alla Padania dimostrava una disponibilità ad aprire un tavolo politico al fine di migliorare il testo su cui si esprimerà il popolo. Ovviamente partendo dal sì.
Perché dico ovviamente? Perché la vittoria del no, paralizzerebbe tutto. Si potrebbe dire che replicheremmo la stagnazione in cui si trova ora la Costituzione europea dopo la bocciatura di Francia e Olanda. Né più né meno. Bloccare pertanto la riforma della Costituzione in senso federale sarebbe un grave errore, perché smorzerebbe l’unica ondata di freschezza degli ultimi quindici anni. Il federalismo è vincente. Solo lasciando le Regioni libere di svilupparsi appieno avremmo due grandi vantaggi: la crescita (economica, sociale, culturale) e la responsabilizzazione della classe politica. Una evoluzione che farebbe il bene dei singoli territori e l’interesse generale. C’è chi chiede che si sottolinei la solidarietà del federalismo: la cosa mi sorprende perché il federalismo è solidale in sé. Non c’è infatti una Costituzione in cui sia specificato che il federalismo debba essere solidale: lo è già di suo.

Le recenti valutazioni dei bilanci regionali rispetto alla spesa sanitaria hanno evidenziato la virtuosità di chi pur garantendo parametri qualitativamente alti è stato bravo a tagliare gli sprechi. A destra come a sinistra. Il federalismo inchioda al rispetto delle regole: la stagione di Pantalone che paga sempre può finire. Ecco perché occorre convincere gli indecisi a votare sì.
Ci sono infine alcune questioni che nel dibattito sono state toccate solo marginalmente. Le elencavo all’inizio dell’articolo. C’è la norma antiribaltone che così impedisce la tentazione di governicchi tira-a-campare. C’è la fine del ping pong tra una Camera e l’altra, dove le leggi rischiavano di fare la navetta solo perché nel frattempo qualcuno aveva cambiato idea su una frase o perché un partito faceva il furbo per ottenere qualcosa in cambio. Ecco, con la nuova Costituzione le leggi nazionali le fa sono la Camera. Punto fine.

Poi c’è il taglio dei parlamentari, cioè un beneficio che si commenta da sé. La sinistra, avendo capito che l’argomento ha una certa presa, comincia a dire che si tratta dell’unico argomento valido della riforma oppure, nel peggiore dei casi, che è solo propaganda. Bella faccia tosta. Per anni se non per decenni ci siamo lamentati perché il numero dei parlamentari è eccessivo e adesso che il taglio è stato messo nero su bianco, c’è chi dice che è propaganda…

L’altro giorno il ministro Vannino Chiti ha promesso che se anche dovesse vincere il no, la sinistra varerà comunque una legge di riduzione del numero dei parlamentari. Ci piacerebbe credere al ministro Chiti ma proprio non ce la facciamo: la moltiplicazione di ministri, viceministri e sottosegretari del governo Prodi sfiora il record assoluto ed è lì da vedere. Tutto perché non riuscivano ad accontentare tutti i partiti e le loro correnti. E allora una maggioranza che sta in piedi sulla distribuzione del potere e delle cadreghe, secondo Chiti dovrebbe tagliare il numero dei parlamentari? Andiamo…
I miracoli accadono una sola volta e allora, cari signori, mettiamo una bella croce sul sì prima che ci ripensino. E così anche questa è fatta!

Gianluigi Paragone, La Padania 04/06/2006

2.6.06

Amministrazione antidemocratica

“Troppo spesso la sinistra a livello nazionale ha utilizzato lo spauracchio del conflitto di interessi per gettare discredito sui partiti moderati. A livello locale invece c’è un ribaltamento della situazione ma nessuno ne parla.”

Esordisce così, Antonio Bambacigno, Consigliere Comunale nelle fila di Sostieni Landriano ed esponente del Coordinamento Alto Pavese di Forza Italia.

“Da mesi mi scontro contro il muro di gomma dell’amministrazione del sindaco Aguzzi”.
In preparazione alla sua campagna elettorale ha fatto installare una quantità impressionante di bacheche sul suolo pubblico, deturpando l’aspetto del paese. In ogni bacheca vi è una ridondanza impressionante di sue foto.

La cosa più assurda è che noi del Gruppo Consiliare Sostieni Landriano stiamo aspettando dallo scorso anno un’autorizzazione al posizionamento di una bacheca nella frazione di Pairana, mentre come Coordinamento di Forza Italia abbiamo richiesto mesi fa di posizionare la nostra bacheca in Landriano. Ormai, superati ben oltre i 30 giorni secondo cui è necessario rispondere ad una richiesta fatta da un Consigliere, abbiamo scritto al Prefetto di Pavia. Tutto inutile.
Mi domando come un sindaco, esponente dei Democratici di Sinistra, abbia così poco di democratico. A noi gruppo di minoranza spetta solo una bacheca pagata di tasca nostra (e anche quella solo dopo molte peripezie, con tempi da attesa biblici e dopo numerose segnalazioni alla Prefettura).

A Forza Italia, primo partito in Landriano, nessun tipo di autorizzazione.
Invece per partitucoli e associazioni più o meno di comodo, fiancheggiatori del nuovo governo, ecco pronte e disponibili bacheche comunali in abbondanza e in comodato d’uso gratuito.
Dopo sei mesi di solleciti mi sono deciso a preparare due interpellanze per il prossimo consiglio comunale, in cui il Sindaco dovrà spiegare come mai è così democratico.

La cosa più assurda è che quando la richiesta per una bacheca la presenta, solo pochi giorni prima, lo stesso partito che ha sostenuto il sindaco nella sfortunata (per loro…) campagna elettorale per le provinciali, l’autorizzazione è prontamente arrivata. Concludo citando George Orwell: "Tutti gli animali sono uguali, ma alcuni sono più uguali degli altri".